Infortunio in itinere

Infortunio in itinere

NUOVE DISPOSIZIONI SULL’INFORTUNIO IN ITINERE

L’art. 5, commi 4 e 5, Legge n. 221/2015 – in vigore dal 2 febbraio 2016 – recante “Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali” stabilisce che i lavoratori che si infortunano recandosi al lavoro in bicicletta beneficiano della tutela piena anche qualora non si avvalgano di piste ciclabili.

Conseguentemente non è più necessario che, ai fini dell’indennizzabilità dell’evento occorso in bicicletta, debba essere verificata la presenza di mezzi pubblici, la possibilità di effettuare il percorso a piedi o, ancora, la presenza di pista ciclabile, ferma restando, ovviamente, la sussistenza delle condizioni generali per l’infortunio in itinere.

L’art. 5, commi 4 e 5, Legge n. 221/2015 – in vigore dal 2 febbraio 2016 – recante “Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali” stabilisce che i lavoratori che si infortunano recandosi al lavoro in bicicletta beneficiano della tutela piena anche qualora non si avvalgano di piste ciclabili.

Conseguentemente non è più necessario che, ai fini dell’indennizzabilità dell’evento occorso in bicicletta, debba essere verificata la presenza di mezzi pubblici, la possibilità di effettuare il percorso a piedi o, ancora, la presenza di pista ciclabile, ferma restando, ovviamente, la sussistenza delle condizioni generali per l’infortunio in itinere.

cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close