Indennità di maternità e paternità nella gestione separata INPS

Indennità di maternità e paternità nella gestione separata INPS

Indennità di maternità e paternità nella gestione separata INPS

L’INPS, con la Circolare n. 42 del 26 febbraio 2016, interviene per fornire indicazioni operative per l’applicazione delle novità previste dal D.Lgs n. 80/2015 – in vigore dal 25 giugno 2015 – in materia di indennità di maternità/paternità in favore delle lavoratrici e dei lavoratori iscritti alla Gestione separata INPS.

In particolare, riguardo al diritto all’indennità di maternità/paternità in caso di mancato versamento della contribuzione da parte del committente o associante, l’INPS precisa che le nuove disposizioni si applicano esclusivamente in favore delle lavoratrici e dei lavoratori “parasubordinati”, in quanto non responsabili dell’adempimento dell’obbligazione contributiva; in mancanza del requisito contributivo effettivo sono indennizzabili in base alla contribuzione dovuta i congedi ricadenti dall’anno 2015 anche per l’eventuale periodo antecedente all’entrata in vigore della riforma (25 giugno 2015).

Con il nuovo articolo 64-bis del D.Lgs n. 151/2001 è stato confermato (in quanto già previsto dalla sentenza della Corte Costituzionale n. 257/2012) alle lavoratrici autonome iscritte alla Gestione separata INPS il diritto a percepire l’indennità di maternità per i 5 mesi successivi all’effettivo ingresso del minore in famiglia in caso di adozione nazionale o internazionale.

Si allegano le slides di approfondimento per ulteriori chiarimenti. Per visualizzarle cliccare qui —> MATERNITÀ E PATERNITÀ IN GESTIONE SEPARATA

cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close